Caralluma hesperidum

Caralluma hesperidum

Piante grasse – Caralluma hesperidum coltivarla, curarla, trucchi e foto. Pianta succulenta del Marocco che ramifica facilmente. Fiori a forma di stella a 5 lobi ci colore bruno violaceo. Fiorisce molto presto.

La Caralluma è una pianta adatta per lo più alla coltivazione domestica, non essendo in grado di tollerare temperature prossime allo zero. Tuttavia, nella stagione più calda dell’anno può essere tentato l’allevamento all’esterno, collocando la pianta in una zona ove possa ricevere il sole diretto per molte ore nel corso della giornata. La coltivazione è piuttosto semplice ed è possibile ottenere ottimi risultati sin dai primi anni di coltivazione.

 
Composta
7 parti di lapillo o pozzolana; 3 parti di terriccio di foglie o torba; 4 parti di sabbia di fiume grossolana; 0,6 grammi di gesso per litro di composta; 2,5 grammi di fertilizzante base per litro di composta.

 
Innaffiatura Caralluma hesperidum
Il terreno deve essere mantenuto costantemente umido, evitando però che si formino ristagni idrici dannosi per l’apparato radicale. Nella stagione invernale gli interventi di irrigazione devono essere sensibilmente diminuiti ma mai sospesi del tutto.

 
Malattie e avversità
L’eccesso di umidità può provocare l’insorgere di malattie fungine.

 
Concimazione
Nella stagione vegetativa è opportuno aggiungere all’acqua delle innaffiature un fertilizzante ricco di potassio per aiutare lo sviluppo della pianta e la comparsa della fioritura.

 
Moltiplicazione Caralluma hesperidum
La Caralluma si propaga per semina, per talea o per divisione di cespi nella stagione primaverile.

Leggi anche:

Veronica persica
Primule orientali
Callirhoe involucrata

Cura dei fiori recisi. Lo sapevi che:

Non collocare nello stesso vaso con altri fiori quelli che emettono lattici velenosi dal gambo reciso (es. Hyacinthus, Narcissus, Poinsettia). 
- Collocare i fiori in luogo luminoso ma non direttamente esposto al sole, lontano da fonti di calore (calorifero, camino, televisore) poiché l'alta temperatura provoca una traspirazione maggiore e un maggior consumo di sostanze nutritive.