Geranio Malvarosa

Geranio Malvarosa

Geranio Malvarosa coltivazione, cura, trucchi e foto. Geranio Malvarosa o Pelargonium graveolens, chiamato volgarmente geranio, è un genere di piante suffrutescenti perenni, originario dell’Africa australe.

Esposizione Pelargonium graveolens
Pianta che necessita di almeno alcune ore al giorno di irradiamento solare. Queste piante non si coltivano in giardino durante il periodo freddo; in autunno in genere le piante deperiscono, vanno estirpate dal terreno.In questo periodo dell’anno non dobbiamo preoccuparci per le temperature minime, Il Pelargonium infatti può sopportare una temperatura di alcuni gradi inferiore allo zero.

 
Generalità Geranio Malvarosa
Lo sviluppo è eretto, tendono a crescere sia in altezza, sia in larghezza, dando origine ad un arbusto arrotondato. Questa pianta in estate assume una colorazione rosa ; è di taglia media e può raggiungere i 60 cm di altezza. Non mantiene la foglia in inverno. Queste piante sono erbacee perenni.

 
Concimazione Geranio Malvarosa
Prima di porre a dimore le annuali, arricchiamo il terreno con una piccola dose di concime organico o concime chimico granulare a lenta cessione; durante la primavera poi interveniamo ogni 20-30 giorni, con un concime specifico per piante da fiore, de mescolare all’acqua delle annaffiature.
Annaffiatura Pelargonium graveolens
Evitiamo di annaffiare Il Pelargonium eccessivamente, lasciando sempre che tra un’annaffiatura e l’altra il terreno rimanga asciutto per almeno un paio di giorni, quindi interveniamo bagnando il substrato in profondità ogni 1-2 settimane , con 2-3 bicchieri d’acqua . Con l’arrivo del clima freddo, in autunno, possiamo interrompere le annaffiature, e lasciare che le piante deperiscano.

 
Trattamenti Geranio Malvarosa
Con l’innalzarsi delle temperature diurne, all’inizio della primavera, è bene praticare un trattamento preventivo, con un insetticida ad ampio spettro, da praticarsi quando nel giardino non sono presenti fioriture. Prima che le gemme ingrossino eccessivamente è consigliabile anche praticare un trattamento fungicida ad ampio spettro, per prevenire lo sviluppo di malattie fungine, il cui dilagare è favorito dall’elevata umidità ambientale.

Curiosità
Il geranio è stato introdotto in Italia da un nobile veneziano, che avendolo visto, era rimasto affascinato dai suoi colori importando la specie Pelargonium triste (foto a lato) che ha la particolarità di profumare solo di notte. Altre specie quali il Pelargonium zonale, il Pelargonium peltatum, il Pelargonium inquinas, furono introdotti dagli olandesi che al rientro dalle Indie, si fermavano con le loro navi a Capo di Buona Speranza per approvvigionarsi.

 

 

Leggi anche:

Malva regina
Olio essenziale di Abete bianco
Thladiantha dubia

Lo sapevi che:

Quando annaffi, fallo con attenzione. Assicurati che l’acqua possa uscire dai fori per il drenaggio situati in fondo al vaso. L’acqua piovana è l’ideale, oppure puoi usare acqua filtrata o imbottigliata, o l’acqua di un deumidificatore. Se l’unica cosa che hai a disposizione è l’acqua del rubinetto, lasciala riposare per tutta la notte in un contenitore aperto prima di versarla sulle piante.