Grano saraceno

grano saraceno

Grano saraceno – coltivazione, cura, trucchi e foto. Il grano saraceno (Fagopyrum esculentum) è una specie di piante a fiore appartenente alla famiglia delle Polygonaceae.

Coltivare il grano saraceno
Questa pianta non necessita di terreni particolarmente fertili per svilupparsi, anzi, l’avvento dei concimi azotati ha causato una forte flessione nella coltivazione di questo pseudocerelae; teme il freddo, e soprattutto il gelo, che può uccidere rapidamente una pianta, anche se esposta ad esso per un breve periodo di temo; quindi la semina si pratica quando il clima è caldo, a partire da aprile, fino a giugno; da giugno fino ad agosto le piantine fioriscono e i frutti sono pronti da raccogliere a partire da agosto fino a ottobre, quando le temperature si abbassano;  è quindi possibile praticare due semine e due raccolti durante una singola stagione primaverile o estiva, anche sullo stesso terreno.

 

Il fagopyrum è una pianta dal rapido sviluppo, che necessita soltanto di una zona ben soleggiata, e di un terreno leggermente lavorato, per permettere un più rapido sviluppo delle radici; le annaffiature si forniscono soltanto quando il terreno risulta asciutto; in Italia questo pseudocerelae viene coltivato in genere in collina o in montagna, e il clima fresco di queste zone permette spesso di non annaffiare per nulla le piante.

 

Le piccole piante continuano a fiorire per settimane, e quindi quando si pratica il raccolto in genere si hanno frutti già secchi e frutti ancora freschi: per questo motivo, dopo il raccolto, che si pratica estirpando le piante, si lasciano i frutti al sole, in modo che quelli meno maturi possano asciugare. Non è necessario avere un grande appezzamento per coltivare queste piante, ma è bene ricordare che hanno uno sviluppo rapido e tendono a divenire invasive, sostituendosi a qualsiasi altra pianta; se quindi vogliamo provare a coltivare il grano saraceno nel nostro piccolo orto famigliare, ricordiamoci di tenerlo in un appezzamento separato dal resto delle piante poste nell’orto  o rischiamo di trovarci con tutto il terreno invaso da questa pianta.

Una ricetta

Lasagna di grano saraceno con fiori di zucca

Preparazione:
Preparare la pasta con le due farine e l’uovo; ritagliare dei quadrati 8x8cm, farli cuocere e scolarli. Adagiare un primo strato in un piatto da portata e farcire il primo strato con i fiori di zucca crudi insieme alla mozzarella di bufala, le aggiunge, il parmigiano, olio e pepe nero. Una sfoglia di lasagna e poi parmigiano e fiocchetti di burro. Far grigliare il tutto per alcuni minuti e nel frattempo preparare il sugo. Soffriggere in padella l’aglio con l’olio, lo scalogno tritato e l’alloro. Aggiungere poi la mozzarella e il brodo. togliere poi dal fuoco, eliminare alloro e aglio, frullare il resto e versarlo sulle lasagne.

Puoi trovare altre Ricette di cucina qui.

Leggi anche:

Ranuncolo
Erba benedetta acquatica
Olio essenziale di patchouli

Lo sapevi che:

Disintossicare la Tua Casa ed il Tuo Corpo.

Non usare naftalina. La naftalina contiene paradiclorobenzene, che è altamente tossico. Piuttosto scegli bustine con erbe naturali ed oli essenziali come rosmarino, lavanda, timo e menta, che sono anti tarme naturali.