Margherite

margherite 1 300x202 Margherite

Margherite come coltivarle, curarle, trucchi e foto. Le margherite appartengono alla famiglia delle Compositae margherita, conosciuta come Asteraceae e sono originarie del Nord e dell’Europa centrale.

Un fiore di margherita è composto da petali bianchi e un centro giallo, anche se a volte può avere una colorazione rossa o rosa. Le margherite, a dispetto delle apparenze, non sono fatte da un solo fiore. La margherità è in realtà è costituita da due tipi di fiori – gli ornamenti del disco, quelli di colore giallo, disposti al centro e gli ornamenti bianchi che si aprono come petali: sono differenti ma sono disposti in modo da dare l’impressione di essere un fiore unico. Questa disposizione delle margherite è un tipo di infiorescenza nota come “capitulum”. Gli steli delle margherite e le foglie sono lisce e sostengono ciascuno un unico fiore.

Coltivazione e cura – Le margherite sono comunemente coltivate dai semi che possono essere inseriti direttamente in aiuola. Prima di piantare, aggiungere una generosa quantità di letame e compost modo che il terreno diventi ricco e ben drenato, alchè hanno bisogno di essere tenute in pieno sole dove possano crescere indisturbate per anni. Allo stesso tempo però devono essere innaffiate regolarmente, mantenendo il terreno sempre umido. Aumentiamo ovviamente le innaffiature nei periodi di siccità, aggiungendo del fertilizzante una volta al mese.

Nel caso in cui le compriamo in un piccolo vaso dal fioraio, dobbiamo invece avere l’accortezza innanzitutto di bagnare la terra mantenendola umida, con un fertilizzante a base di fosforo in quanto contribuisce a promuovere grandi fiori luminosi, aggiunto ogni settimana, e farla fiorire. Appena la fioritura inizia a decrescere, puliamola bene, eliminiamo tutti i fiori secchi e lasciamola nel vasetto. Aspettiamo una decina di giorni, e spostiamo la piantina in un vaso più grande o in piena terra, e la nostra margherita farà una seconda fioritura, piuttosto abbondante.
Malattie e cure – Generalmente le margherite non sono disturbate da insetti e malattie. Se colpite da afidi o piccoli insetti possiamo notare ingiallimenti improvvisi ed avvizzimenti a cui generalmente segue un lento declino della pianta.

Una simpatica margherita a forma di cuore. Con concimi a base di fosforo e un trapianto adeguato, possono fiorire due volte
Si manifestano sotto forma di una muffa bianca e polverosa assieme a formazioni tipo ragnatele sotto le foglie. In questo caso dobbiamo rimuovere le parti malate, controllare la presenza di bruchi nella terra, e utilizzare subito un insetticida o funghicida. Nelle regioni particolarmente fredde, può essere utile fornire uno spesso strato di pacciamatura per la protezione invernale.

Leggi anche:

Mimolo
Aristolochia fimbriata
Olio essenziale di Eucalipto

Lo sapevi che:

Travasa le tue piante periodicamente. Quando le loro radici crescono, hanno bisogno di contenitori più ampi. Potrebbero anche aver bisogno ogni volta di terreno nuovo. Per qualche specie puoi anche spuntare le radici invece di cambiare il vaso.


Add Comment Register



Lascia un Commento