Olio essenziale di ginepro

Olio essenziale di ginepro

Olio essenziale di ginepro proprietà e benefici. Antinfiammatorio, Distensivo, Espettorante e Antisettico delle vie urinarie.

L’Olio essenziale di ginepro è un buon antinfiammatorio, viene usato con beneficio contro mal di testa, dolori reumatici, artrosi, artrite, gotta e altre infiammazioni del sistema osteoarticolare: frizionando sulla parte dolorante una miscela di olio essenziale e olio vegetale, viene stimolata la produzione corporea di cortisone, con uno spiccato effetto analgesico.

L’Olio essenziale di ginepro è  un distensivo, ottimo decontratturante per il sistema muscolare e tendineo scioglie i muscoli ed è indicato soprattutto per gli atleti dopo l’attività fisica sportiva o in caso di tensione, dolori e mal di schiena e stress.

Espettorante e anticatarrale, per inalazione, è consigliato nel trattamento delle affezioni dell’apparato respiratorio, come tosse e raffreddore.

L’Olio essenziale di ginepro è un ottimo antisettico delle vie urinarie, come tutti gli olii essenziali svolge un’azione antinfettiva e antibatterica, ma nel caso del ginepro, è specifica per l’apparato genito-urinario. É indicato per stimolare la diuresi e in caso di cistite, edemi, stasi linfatica, ritenzione idrica, cellulite.

Attenzione

Attenzione
L’olio essenziale di ginepro è generalmente atossico, non causa sensibilizzazione, ma può essere leggermente irritante e va usato con moderazione. L’olio che si ricava dalla pianta intera o dal legno è più irritante, anche perché è generalmente adulterato con trementina, se ne sconsiglia quindi l’utilizzo. E’ bene fare attenzione a non usare quest’olio in gravidanza e nei soggetti con nefriti in atto o disfunzioni renali. In caso di uso prolungato o di sovradosaggio possono comparire leggere sintomatologie a carico dei reni.

 

Leggi anche:

Viola
Falsa ortica
Come illuminare le piante da interno - consigli e suggerimenti

Cura dei fiori recisi. Lo sapevi che:

Non collocare nello stesso vaso con altri fiori quelli che emettono lattici velenosi dal gambo reciso (es. Hyacinthus, Narcissus, Poinsettia). 
- Collocare i fiori in luogo luminoso ma non direttamente esposto al sole, lontano da fonti di calore (calorifero, camino, televisore) poiché l'alta temperatura provoca una traspirazione maggiore e un maggior consumo di sostanze nutritive.