oxypetalum caeruleum

oxypetalum caeruleum

Oxypetalum caeruleum coltivazione, cura, trucchi e foto. oxypetalum caeruleum è una pianta rampicante  che si può coltivare anche in giardino appartiene alla famiglia delle apocynacee.

Oxypetalum caeruleum è una pianta rampicante che si può coltivare anche in giardino, ma i suoi graziosi fiori germogliano più facilmente in una serra, in stanze soleggiate o ben illuminate o ventilate. I suoi steli piuttosto gracili e sinuosi hanno bisogno di supporto.
Le gemme a forma di stella appaiono da luglio in avanti; il germoglio dapprima è rosa, quando si schiude diventa ceruleo, inifne assume un colore purpureo, quando il fiore è completamente sbocciato e inizia ad appassire.
Di tanto in tanto, alla fine dell’anno, al posto dei fiori compaiono dei frutti verdi. Le belle foglie e forma di cuore, rivestono riccamente gli steli,; i fiori invece sono radi e per apprezzarne appieno la bellezza si dovrebbe tenere la pianta lontana dalle algtre specie fiorite.  L’oxypetalum è facile da coltivare partendo dai semi, che vanno piantati a marzo; dopo circa 8 settimane spunteranno i fiori.

TEMPERATURA

Gli esemplari coltivati all’esterno prosperano in pieno sole. In interno bisogna procurar loro buona luce. In interno bisogna procurar loro buona luce ma indiretta.

UMIDITA’

Tenere questo rampicante ben bagnato durante tutto il periodo di crescita; in inverno annaffiarlo solo quanto basta per impedire alla pianta di perdere tutte le foglie. Se fa molto freddo, mantenerlo asciutto.
L’Oxypetalum caeruleum ha un ricco fogliame e non necessita di umidità aggiuntiva: se durante la crescita la temperatura si dovesse alzare molto, bisognerà sistemare il vaso in una bacinella contenente argilla espansa bagnata.

CONCIME

Se il terriccio è di buona qualità ed è a base di terra grassa, probabilmente non sarà necessario concimare; le piante adulte e vecchie che non sono state rinvasate annualmente, dovrebbero essere nutrite ogni 3 settimane con un prodotto specifico per piante d’appartamento, da metà estate fino all’autunno.

RINVASO

Coltivare in una composta ben drenata a base di terra grassa, la più adatta per questo tipo di piante e che richiedono molta umidità. Rinvasare l’oxypetalum in primavera e, in tale occasione, sostituire completamente il terriccio vecchio non occupato dalle radici.
In primavera, potare Oxypetalum caeruleum in modo che restino solo due germogli: per la propagazione va bene qulsiasi materiale. Cimare continuamente la crescita per favorire la ramificazione della pianta.
Bruciature fogliari. Le foglie possono soffrire se le piante coltivate in interno sono esposte ai raggi diretti del sole, troppo forti: gli esemplari vanno sistemati al riparo dalla luce diretta.

Curiosità
Con il passare degli anni sviluppa un bell’arbusto, l’altezza si avvicina ai 50 centimetri , l’arbusto tende ad allargarsi raggiungendo anche i 30 centimetri .Queste piante tendono ad avere uno sviluppo rampicante, le ramificazioni hanno sviluppo vigoroso, preferiscono avvilupparsi attorno a dei sostegni.

Leggi anche:

Narciso
Olio essenziale di ginepro
Camomilla romana

Lo sapevi che:

LA CANDEGGINA
Evita la formazione di muffe, alghe e batteri che, inquinando l'acqua, fanno marcire i gambi. E appassire i fiori.

Quando si cambia l'acqua, va aggiunto un cucchiaio di candeggina. Dopo quattro giorni, gli steli più teneri, come quelli dei tulipani e delle gerbere, sono ancora perfetti ma appaiono sbiaditi. Rimangono invece ancora dello stesso colore i fiori. Non a lungo, però. Dopo una settimana, non ci sarà nessun segno di inquinamento dell'acqua, ma gli steli e i fiori avranno subito un vero candeggio. Il risultato? Saranno scoloriti.