Phyla nodiflora

Phyla nodiflora

Phyla nodiflora coltivarla, curarla, trucchi e foto. Phyla nodiflora appartiene al genere Verbena che comprende piante erbacee annue o perenni della famiglia delle Verbenaceae.

Esposizione Phyla nodiflora
Pianta che necessita di almeno alcune ore al giorno di irradiamento solare. Quando le temperature minime sono molto basse possiamo provvedere a proteggere gli arbusti più sensibili, ricoprendone le radici con foglie secche o paglia.In questo periodo dell’anno non dobbiamo preoccuparci per le temperature minime, La Phyla nodiflora infatti può sopportare una temperatura di alcuni gradi inferiore allo zero.
Generalità Phyla nodiflora
Crescendo queste piante tendono ad alzarsi, sviluppandosi poco in larghezza, e tendono ad avere uno sviluppo colonnare. Questa pianta in estate assume una colorazione viola rosso ; è di taglia media e può raggiungere i 3 m di altezza. Non mantiene la foglia in inverno. Queste piante sono arbusti.
Concimazione Phyla nodiflora
Per ottenere uno sviluppo rigoglioso é bene ricordare di concimare periodicamente i nostri arbusti; in primavera utilizziamo un concime ricco in azoto e potassio, che favorirà lo sviluppo della nuova vegetazione e dei fiori. Possiamo intervenire a fine inverno, mescolando al terreno attorno alla pianta una buona dose di concime organico o di concime chimico a lenta cessione. Durante la primavera poi é anche possibile intervenire periodicamente, con concimi liquidi o in polvere, da aggiungere all’acqua delle annaffiature, ogni 20-25 giorni.
Annaffiatura
Evitiamo di annaffiare la Phyla nodiflora eccessivamente, lasciando sempre che tra un’annaffiatura e l’altra il terreno rimanga asciutto per almeno un paio di giorni, quindi interveniamo bagnando il substrato in profondità ogni 2-3 settimane , con 1-2 secchi d’acqua . Se decidiamo di coltivare un esemplare di Phyla nodiflora in contenitore, ricordiamo che avrà esigenze leggermente diverse rispetto ad un esemplare coltivato in piena terra: prestiamo maggiore attenzione alle esigenze idriche e nutrizionali, e controlliamo più spesso l’eventuale sviluppo di parassiti.
Trattamenti Phyla nodiflora
Con l’innalzarsi delle temperature diurne, all’inizio della primavera, è bene praticare un trattamento preventivo, con un insetticida ad ampio spettro, da praticarsi quando nel giardino non sono presenti fioriture. Prima che le gemme ingrossino eccessivamente è consigliabile anche praticare un trattamento fungicida ad ampio spettro, per prevenire lo sviluppo di malattie fungine, il cui dilagare è favorito dall’elevata umidità ambientale.

Curiosità
La Phyla nodiflora si adatta ad una vastissima varietà di terreni e climi. Cresce pochissimo in altezza se non irrigata (3-4 cm), se irrigata frequentemente 10 – 15 cm. Fiorisce 8 mesi all’anno. Molto competitiva verso le infestanti. Resistente al gelo (anche a punte di – 15°C).

 

Leggi anche:

Cymbidium
Violacciocca antoniana
Sagittaria latifolia

Lo sapevi che:

L'ASPIRINA

Si mette una compressa nel vaso per aumentare l'acidità dell'acqua e disinfettarla. Un trucco che fa bene ai fiori.

La durata del bouquet, che in media rimane fresco tre giorni, non viene prolungata. Anche se si cambia l'acqua ogni giorno e si aggiunge ogni volta una compressa. Prima i fiori iniziano ad appassire e, a fine settimana, metà dei petali è caduta.