Rosmarino

Rosmarino coltivazionee, curare, trucchi e foto per il giardinaggio

Rosmarino coltivazionee, curare, trucchi e foto per il giardinaggio. Il rosmarino è un arbusto appartenente alla famiglia delle Lamiaceae.

Queste piante sono da considerarsi come orticole, quindi in caso di parassiti si utilizzano antiparassitari per l’agricoltura; prima di raccogliere foglie delle piante trattate attendiamo che il prodotto utilizzato non sia più attivo. Pianta che necessita di almeno alcune ore al giorno di irradiamento solare.Queste piante non temono il freddo e quindi si possono coltivare in giardino in qualsiasi periodo dell’anno.
Annaffiatura Rosmarino
Annaffiare solo sporadicamente, circa una volta ogni 2-3 settimane con 2-3 bicchieri d’acqua , lasciando il terreno asciutto per un paio di giorni prima di ripetere l’annaffiatura; quando si annaffia si consiglia di evitare gli eccessi, ma di bagnare bene in profondità il terreno. Per utilizzare queste piante durante tutto l’anno è possibile procedere alla raccolta, in primavera o in estate. Le piante lavate e ben asciugate vanno in seguito essiccate, o congelate, per poterle utilizzare durante dell’anno.
Esposizione Rosmarino
Il fogliame delle piante aromatiche viene utilizzato in cucina; se necessario ricordiamo di utilizzare solo antiparassitari per l’agricoltura, ed atteniamoci al tempo di carenza indicato in etichetta: se irroriamo una pianta non possiamo utilizzarne il fogliame per il consumo alimentare per il periodo di tempo indicato, entro il quale il prodotto chimico è nocivo. Coltiviamo Il Rosmarino in luogo luminoso, con luce solare diretta.Si coltivi Il Rosmarino all’aperto; può sopportare senza problemi temperature minime anche molto rigide, di molti gradi inferiori allo zero.

Terreno per il Rosmarino
Prediligono terreni sciolti, con un ottimo drenaggio.

Leggi anche:

Astri o Astro della Cina
Pittosporum tobira
Olio essenziale di issopo

Cura dei fiori recisi. Lo sapevi che:

Giornalmente, pulire i contenitori con disinfettante (es. ipoclorito di sodio) e una spazzola a setole dure e flessibili, cambiare l'acqua (se non si usa un conservante per fiori recisi) usando preferibilmente acqua tiepida (circa 20°C) altrimenti cambiare l'acqua almeno ogni tre giorni, rabboccandola se necessario, quando si utilizza il conservante apposito.