Salvia di Gerusalemme

Salvia di Gerusalemme

Salvia di Gerusalemme – ( giardinaggio ) coltivare, cura, trucchi e foto. La Salvia di Gerusalemme – Phlomis tuberosa perenni è originaria dell’Asia minore ed in particolare della Siria.

Generalità Salvia di Gerusalemme o Phlomis tuberosa
Crescendo sviluppano un arbusto tondeggiante. Salvia di Gerusalemme non è sempreverde; durante estate assume una colorazione rosa ; gli esemplari adulti sono di taglia media e raggiungono i 90 cm di altezza. La Salvia di Gerusalemme ha lo sviluppo di un’erbacea perenne.

 
Esposizione Salvia di Gerusalemme
Per uno sviluppo equilibrato la Salvia di Gerusalemme è consigliabile posizionarla in luogo in cui riceva almeno alcune ore di sole diretto. In genere durante i mesi più freddi dell’anno la parte aerea di queste piante dissecca; ricomincerà a svilupparsi con l’arrivo della primavera successiva.La Salvia di Gerusalemme è una pianta che si può coltivare in giardino per tutto l’arco dell’anno. Non teme il freddo e sopporta temperature minime molto rigide.

 
Annaffiatura Salvia di Gerusalemme o Phlomis tuberosa
Consigliamo di annaffiare queste piante solo saltuariamente, ma ricordiamo di bagnare a fondo il terreno utilizzando 2-3 bicchieri d’acqua , ogni 1-2 settimane . In genere durante il periodo di riposono vegetativo non è necessario annaffiare le nostre piante perenni, che in molti casi perdono la parte aerea.

 
Trattamenti Phlomis tuberosa
Il clima primaverile, con un elevato sbalzo termico tra le ore diurne e quelle notturne, e piogge abbastanza frequenti, può favorire lo sviluppo di malattie fungine, che vanno trattate preventivamente con un fungicida sistemico, da utilizzare prima che le gemme ingrossino eccessivamente; a fine inverno si consiglia anche un trattamento insetticida ad ampio spettro, per prevenire l’attacco di afidi e cocciniglie. Ricordiamo sempre che i trattamenti vanno praticati quando nel giardino non sono presenti fioriture.
Terreno Salvia di Gerusalemme
Coltivare queste piante perenni in un substrato molto ben drenato.

 

Curiosità
La pianta, dovrebbe essere coltivata in substrato con ph abbastanza elevato. E’ abbastanza improbabile che la pianta difficilmente fa i frutti. Pratichiamo alle piante da fiore un trattamento antifungino ed insetticida ad ampio spettro, quando le piante sono in fiore evitiamo gli interventi, se necessario, pratichiamo un secondo trattamento, ma ad almeno 15 giorni di distanza dal primo. Non sono profumate.

Leggi anche:

Cactus
Aubretia
Garofano a mazzetti

Lo sapevi che:

Il Garofano, può essere coltivato anche in giardino roccioso o come bordura a seconda della specie. In vaso posizionare anche in luogo leggermente ombreggiato. Molto utilizzato come reciso. Non necessita di particolari cure.