sedum palmeri

sedum palmeri

Sedum pameri coltivarla, curarla, trucchi e foto. Sedum pameri appartiene alla spece Sedum  e è un genere di piante succulente e “xerofile” che comprende circa 600 varietà di specie.

Una credenza molto diffusa è che “le piante grasse” così come in questo caso “le piante succulenti” crescono bene anche se sono trascurate. Questo non è affatto vero perchè come tutti gli esseri viventi, hanno necessità di attenzioni e cure. Possono “sopravvivere” se le trascuriano ma non certo vivere al meglio delle loro capacità. Considerando che le cure che richiedono non sono poi tante, dedichiamo pochi minuti alla settimana a queste incredibili piante ed esse ci ripagheranno con una crescita stupenda.

Le piante di Sedum sono piante che richiedono molta luce, in tutte le stagioni dell’anno, ma non l’esposizione al sole diretto. L’ottimale è un’esposizione a sud e da evitare invece un’esposizione a nord.

Le temperature estive ottimali di coltivazione sono intorno ai 21°C anche se vegeta bene a temperature di 27°C. Le temperature invernali si devono aggirare tra i 10-13 °C ma attenzione a non scendere sotto i 10°C. Se le temperature scendono intorno a questi valori, assicuratevi di lasciare la pianta perfettamente asciutta.

I Sedum amano l’aria per cui date loro aria fresca soprattutto d’estate sistemandole vicino ad una finestra aperta.

ANNAFFIATURA

Le annaffiature del Sedum devono essere effettuate quando la superficie del terriccio è secca. Una buona pratica è bagnare per bene il terriccio, poi far sgrondare tutta l’acqua in eccesso e quindi aspettare che il terreno sia secco prima di procedere con la successiva irrigazione.

Durante il periodo autunno-invernale (a partire da metà novembre e fino a metà marzo) le irrigazioni vanno sospese fino alla primavera.

Bisogna evitare con cura di lasciare acqua stagnante nel sottovaso in quanto i ristagni idrici non sono in alcun modo tollerati e porterebbero al marciume delle radici.

TIPO DI TERRENO – RINVASO

La pianta di Sedum, come tutte le piante, ha necessità di essere rinvasata periodicamente, in primavera, se le radici hanno occupato tutto lo spazio a loro disposizione.

Il rinvaso è anche un ottimo momento per controllare lo stato delle radici: se notate delle radici annerite o grigiastre (le radici devono essere bianco-panna) vanno eliminate. Prendete allora delle forbici lavate e sterilizzate (possibilmente alla fiamma) e procedete al taglio. Dopo di che cospargete nelle ferite del taglio della polvere fungicida ad ampio spettro e quindi rinvasate. In questo caso però aspettate almeno una settimana prima di annaffiare per consentire alle ferite di cicatrizzarsi.

Per il rinvaso utilizzate una composta specifica per Cactaceae alla quale unite sabbia grossolana o perlite nella misura di 2:1 (2 parti di composta per 1 parte di sabbia o perlite).

Abbiate cura di sistemare nel foro di drenaggio dei pezzi di coccio in modo che la terra o le radici non ostruiscano il foro di drenaggio in quando i ristagni idrici sono letali per questa pianta.

Utilizzate dei vasi bassi del diametro massimo di 15 cm. Personalmente consiglio sempre di usare dei vasi di terracotta e non di plastica in quanto consentono alla terra di respirare e se il foro di drenaggio è stato sistemato in modo da garantire un buon scolo delle acque, bè, direi che è perfetto. Inoltre i vasi devono essere più larghi che profondi in quanto l’apparato radicale tende a svilupparsi in larghezza più che in profondità.

La prima annaffiatura dopo il rinvaso fatela per immersione del vaso. Ricordatevi che se avete potato le radici occorre aspettare almeno una settimana prima annaffiare per dare il tempo alle ferite di cicatrizzarsi.

CONCIMAZIONE

Dalla primavera e per tutta l’estate il Sedum va concimato ogni 3-4 settimane con un concime liquido da diluire nell’acqua di irrigazione diminuendo le dosi rispetto a quanto riportato nella confezione.

A partire dall’autunno e per tutto l’inverno, sospendere le concimazioni perchè il Sedum va in riposo vegetativo per cui non si devono dare concimi che si accumulerebbero nel terreno creando un ambiente dannoso per le radici della pianta.

Per assicurare al vostro Sedum un’ottima crescita, somministrate un concime equamente bilanciato in Azoto, Fosforo e Potassio (ad esempio 30:30:30). Oltre all’Azoto, al Fosforo ed al Potassio (macroelementi) assicuratevi però che il fertilizzante che usate contenga sempre anche i “microelementi” quali il Magnesio (Mg), il Ferro (Fe), il Manganese (Mn), il Rame (Cu), lo Zinco (Zn), il Boro (B), il Molibdeno (Mo), tutti importanti per una corretta ed equilibrata crescita della pianta.

FIORITURA
Se assicurate al vostro Sedum la giusta quantità di luce, acqua e concime, così come indicato nei rispettivi paragrafi, avrete delle bellissime crescite e fioriture.

La pianta di solito inizia a fiorire da marzo e prosegue per tutta l’estate, fino a settembre.

POTATURA

Di solito il Sedum non si pota. Vanno semplicemente eliminate le foglie che via via disseccano o danneggiate per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie.

Abbiate cura che l’attrezzo che usate per il taglio sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti.

MOLTIPLICAZIONE

Il Sedum si moltiplica per talea o per seme.

Nel scegliere la tecnica da adottare occorre tenere presente che la moltiplicazione per seme ha con se lo svantaggio che, subentrando la variabilità genetica, non si è certi che si avranno delle piante uguali alle piante madri, nel qual caso qualora si voglia ottenere una pianta di Sedum ben precisa o non si è certi della qualità del seme che si sta utilizzando, è bene fare la moltiplicazione per talea.

Curiosità
Il lato negativo del Sedum pameri è che al di fuori dell’exploit di marzo e aprile in cui fiorisce, per il resto dell’anno non offre grandissime emozioni. Non si può avere tutto.

Leggi anche:

Olio essenziale di Abete bianco
Rosmarino
Salvia coccinea

Lo sapevi che:

Disintossicare la Tua Casa ed il Tuo Corpo.

Allunga quotidianamente i tuoi muscoli: yoga, tai chi e qigong sono ottime discipline.