Sinojackia xylocarpa

Sinojackia xylocarpa

Sinojackia xylocarpa coltivazione, cura, trucchi e foto. Sinojackia xylocarpa è un arbusto appartenende alla famiglia delle  Styracaceae, originaria ed endemica in Cina.

Si tratta di un arbusto che arriva a 5 / 7 m di altezza.

La  Sinojackia xylocarpa va messa a dimora in giardino.  Per i fertilizzanti ad alto contenuto di N, azoto, promuoveranno la crescita a fogliame molto verde.  Un eEccesso di azoto nel terreno può causare un’eccessiva crescita vegetativa e influire negativamente sulla sua fioritura

E ‘meglio evitare di concimazione in autunno o inverso.

La Sinojackia xylocarpa ama una esposizione dove riceve nelle ore meno calde una buona irradiazione solare, preferendo l’ombra di una albero molto più grande quando il sole è troppo forte, un consiglio è di coltivare questa pianta sotto un grande albero dove riceva sole la mattina e sia in parte nelle ore più calde del giorno.

Ama una annaffiatura discreta e verso le ore serali, il terreno deve risultare umido e drenante, mai inzuppato però.

E’ possibile in primavera potare la pianta, cercando di dare la forma desiderata. Una buona potatura che eviti troppi rami  permette di ottenere una fioritura copiosa.

I frutti prodotti dopo la fioritura non sono commestibili.

Questo albero non ha bisogno di molte cure, un buon trattamento contro insetti e funghi, come per i normali alberi da frutto lo mette al riparo da molte malattie o insetti che ne potrebbero provocare la morte.

Si adatta bene a ogni clima, in zone molto fredde, si consiglia se possibile di coprire in autunno la base della pianta con della paglia, questo proteggerà il tronco e le radici dalle forti gelate.

Leggi anche:

Azalea
Teucrium hyrcanicum
Viola Purpurea

Lo sapevi che:

Quando annaffi, fallo con attenzione. Assicurati che l’acqua possa uscire dai fori per il drenaggio situati in fondo al vaso. L’acqua piovana è l’ideale, oppure puoi usare acqua filtrata o imbottigliata, o l’acqua di un deumidificatore. Se l’unica cosa che hai a disposizione è l’acqua del rubinetto, lasciala riposare per tutta la notte in un contenitore aperto prima di versarla sulle piante.