Violacciocca antoniana

Violacciocca antoniana

Violacciocca antoniana coltivarla, curarla, trucchi e foto. Violacciocca antoniana Nome botanico: Hesperis matronalis, Pianta erbacea perenne appartiene alla Famiglia delle  Cruciferae (Brassicaceae).

Generalità Viola matronale, Antoniana o Hesperis matronalis
Lo sviluppo è eretto, tendono a crescere sia in altezza, sia in larghezza, dando origine ad un arbusto arrotondato. Questa pianta in estate assume una colorazione bianco ; è di taglia media e può raggiungere i 75 cm di altezza. Non mantiene la foglia in inverno. Queste piante sono erbacee perenni.

 
Esposizione Viola matronale, Antoniana
Pianta che necessita di almeno alcune ore al giorno di irradiamento solare. Le piante perenni hanno uno sviluppo prevalentemente primaverile ed estivo. Durante i mesi più freddi dell’anno la parte aerea può disseccare completamente, per spuntare l’anno successivo.Queste piante non temono il freddo e quindi si possono coltivare in giardino in qualsiasi periodo dell’anno.
Annaffiatura Viola matronale, Antoniana o Hesperis matronalis
Evitiamo di annaffiare la Viola matronale, Antoniana eccessivamente, lasciando sempre che tra un’annaffiatura e l’altra il terreno rimanga asciutto per almeno un paio di giorni, quindi interveniamo bagnando il substrato in profondità ogni 1-2 settimane , con 2-3 bicchieri d’acqua . Queste piante manifestano un periodo abbastanza prolungato di riposo vegetativo. Durante questo periodo non è necessario annaffiare le piante.

 
Trattamenti Viola matronale, Antoniana o Hesperis matronalis
Con l’innalzarsi delle temperature diurne, all’inizio della primavera, è bene praticare un trattamento preventivo, con un insetticida ad ampio spettro, da praticarsi quando nel giardino non sono presenti fioriture. Prima che le gemme ingrossino eccessivamente è consigliabile anche praticare un trattamento fungicida ad ampio spettro, per prevenire lo sviluppo di malattie fungine, il cui dilagare è favorito dall’elevata umidità ambientale.
Terreno Viola matronale, Antoniana
Porre a dimora in terreno soffice e profondo, molto ben drenato.

Curiosità
Questa specie di pianta,  ha uno sviluppo migliore se coltivata in terriccio a ph elevato.

Leggi anche:

Ipomoea quamoclit
Nepenthes
Calla

Lo sapevi che:

Assicurati che le tue piante ricevano abbastanza luce. Le migliori sono le finestre esposte a sud o ad est. Gira le piante se noti che pendono verso la fonte di luce. Se non hai abbastanza luce naturale, acquista una luce per la coltivazione. Appendila sopra di esse e tienila accesa per 8-12 ore al giorno.